Dove sei: Blog  |  Stato  |  Leggi  |  Dettaglio news
Commenti (1)   |   Vai ai commenti   |   Lascia un commento
Giovedý 18 Settembre 2014   Stato
VeritÓ Bibliche: qui gladio ferit, gladio perit
Visite: 5905

Tassa di successione: ipotesi aumento, il governo non smentisce. E’ già polemica sulla Legge di Stabilità 2015

di Marta Panicucci | 18 Settembre 2014 - 12:58

Fonte e Link: http://www.forexinfo.it/Tassa-di-successione-ipotesi?utm_source=Forexinfo+Forex+Trading+Online&utm_campaign=e846301048-forexinfo-daily-email&utm_medium=email&utm_term=0_4302bacf08-e846301048-302716845

Si è diffusa ieri la notizia di un probabile aumento nella tassa di successione da introdurre con le legge di stabilità. Fi sale sulle barricate e chiede al governo di smentire l'ipotesi. Nessuna dichiarazione dal premier.

E’ scoppiata la bufera sulla Legge di Stabilità 2015, poco meno di un mese prima della sua presentazione. Ieri il Sole 24Ore ha diffuso per primo la notizia che allo studio del governo ci sarebbe anche l’aumento della tassa di successione e donazione. Attualmente lo Stato incassa circa 500 milioni dalla tassa di successione; l’obiettivo con la Legge di Stabilità 2015 sarebbe di arrivare a 1 miliardo.

Probabile aumento
Attualmente la tassa di successione italiana è tra le più leggere d’Europa, secondo le ultime disposizioni approvare al tempo del secondo governo Prodi. La tassa di successione attuale prevede una franchigia di un milione di euro, al di sotto della quale non vi è alcun prelievo. Il governo avrebbe intenzione di abbassare tale soglia da un milione a circa 200mila euro.

Oltre tale soglia, scattano i prelievi, con aliquote diverse a seconda del grado di parentela con il defunto o donatore. Ecco quanto peserà l’aumento:

  • dal 4% attuale, per i beni devoluti a favore del coniuge e dei parenti in linea retta al 5%,
  • dal 6%, per i beni devoluti a favore di fratelli e sorelle, degli altri parenti fino al quarto grado e degli affini in linea retta, (sopra i 100mila euro) all’8%,
  • dall’8%, per i beni devoluti a favore di altri soggetti al 10%.

La polemica e nessuna smentita
Il primo a parlare, appena si è diffusa la notizia dell’aumento della tassa di successione, è stato il Presidente della commissione Finanze della Camera Capezzone che, a nome di Forza Italia, ha dichiarato "È bene chiarire che si tratterebbe di una ulteriore mazzata sui contribuenti, dopo gli aumenti delle imposte sui risparmi e della tassa sulla casa. Mi auguro che il governo sia in condizione di diffondere una credibile e netta smentita".

Ma all’appello di Capezzone dal governo non è arrivata alcuna riposta. Oggi l’esponente di Forza Italia parla tramite un’intervista su Il Tempo. "Finora - attacca Capezzone - nonostante la richiesta di una smentita del governo sul possibile aumento delle tasse di successione, da Palazzo Chigi e dal Tesoro non è arrivato nulla. È la prova evidente che l’indiscrezione sul rialzo delle aliquote è più che fondata. E che l’esecutivo Renzi bara: a parole vuole abbassare le imposte, di fatto le ha già aumentate sul risparmio, sulla casa e ora lo farà sulle eredità".

IL NOSTRO COMMENTO: Complimenti Renzi! Questo è il Governo che non doveva applicare tasse agli Italiani! Ci vediamo alle urne! Sei stato una delusione! Gli Italiani non perdonano essere presi per il culo!  Farai la stessa fine di Monti Mario e di Romano Prodi. Sparirai dalla scena politica! Goditi ora il Tuo momento di gloria. STAI SERENO! Non è quello che vai dicendo sempre ai tuoi amici?

Qui gladio ferit gladio perit è una locuzione latina, che tradotta letteralmente significa «chi di spada ferisce di spada perisce”   La frase è stata pronunciata da Gesù quando nell'orto del Getsemani viene catturato dai soldati inviati dai Principi dei Sacerdoti. L'apostolo Pietro, stando a quanto riferisce l'evangelista Giovanni (Gv. 18,13), sfodera la spada e taglia un orecchio ad un servo del sommo sacerdote. Da questo episodio viene la richiesta di Gesù di riporre la spada dicendo che Qui gladio ferit gladio perit. Così dicendo, Gesù raccoglie l'orecchio mozzato e lo riattacca al servo. (Fonte: Wikipedia) “  Tu non sei Gesù Cristo sei Renzi Matteo. Mi pare che ci sia una bella differenza!

 

 

 

Commenti (1)   |  
Sabato 22 Novembre 2014  -  adam
mi Ŕ piaciuto di questa linea: Attualmente la tassa di successione italiano Ŕ uno dei pi¨ leggeri in Europa, secondo le ultime disposizioni approvate al momento del secondo Prodi governmen.see il sito sottostante

Escort
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Visitatori on-line:
Visitatori di oggi:
Visitatori totali: